LA CUCINA D’ESTATE

L’estate non è la stagione adatta a forni accesi e piatti bollenti; in ogni parte del mondo vi sono le specialità fredde, piatti semplici o tipici adatti alla stagione.

L’estate non è la stagione adatta a forni accesi e piatti bollenti; in ogni parte del mondo vi sono le specialità fredde, piatti semplici o tipici adatti alla stagione. Infatti, quando si suda e si respira a fatica ognuno reagisce in modo diverso: i giovani vanno in piscina, i coraggiosi vanno al mare a fare a gomitate con i vicini,
gli insofferenti si logorano isolandosi dagli altri ed i golosi mangiano e partecipano a tutte le sagre paesane.
In effetti occorre pensare ad un’alimentazione adatta al periodo ed oltre a bere acqua in modo soddisfacente, bisognerebbe limitare il consumo di liquidi alcolici, gassati e zuccherini. Altrettanto importante è orientare la cucina su piatti rinfrescanti, consumare ai pasti e fuori, più verdura e frutta. In questo periodo di ferie, utile a distrarsi e ricaricarsi, il lasciare da parte le incombenze del lavoro e rifugiarsi nella gioia del cibo non è cosa da poco per chi lo può fare. Questi giorni ci procurano visite in territori ricchi di storia, arte ed in particolare incontri con produzioni locali e tradizioni culinarie regionali con tanta allegria, spettacoli e leccornie che è un peccato non assaggiare. In ogni regione nazionale o europea è bello scoprire la tradizione culinaria dimenticando per alcuni giorni le nostre abitudini dall’antipasto al primo, secondo, contorno e frutta. Io ho trovato interessanti i grandi piatti unici di Praga e Budapest, la scelta dei formaggi proposta dai francesi, gli affettati dei tedeschi, il cioccolato della Svizzera e dell’Austria, ecc. Mi piace il vino Pecorino come pure un buon Montepulciano invecchiato ma il Tokai Passito ungherese ed il Verduzzo Friulano,sono ottimi ricordi al pari della torta maison sempre a tavola dei francesi. Allora è il momento di tuffarci nelle novità di quei piatti tipici prodotti con i frutti del luogo, gli abbinamenti cibo-vino caratterizzanti il viaggio gastronomico alla scoperta dei sapori regionali. Qualche tempo fa, prima di partire per le vacanze, in rapporto ai luoghi da visitare, mi fornivo di cartine stradali, oggi supportato dal navigatore, cerco la documentazione relativa
alle iniziative culturali, artistiche e soprattutto una guida enogastronomica aggiornata e di facile consultazione.

Potrebbe piacerti anche Dallo stesso autore