Il Rosso Piceno

Non potevamo che iniziare con il rosso di punta del nostro territorio: il ROSSO PICENO.

Il Rosso Piceno e il Rosso Piceno Superiore sono dei blend di Montepulciano e Sangiovese. I vini con la denominazione di origine controllata “Rosso Piceno” o “Piceno” infatti possono essere prodotti a partire dalle uve di questi due vitigni storicamente coltivati nelle Marche. Secondo il Disciplinare di produzione pubblicato sul sito ufficiale del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (modificato per l’ultima volta dal DM del 30 novembre 2011), le percentuali dei due vitigni principali sono le seguenti:

  • Montepulciano: dal 35 al 85 %;
  • Sangiovese: 15 al 50%.

Possono concorrere fino ad un massimo del 15%, da soli o congiuntamente, tutti gli altri vitigni non aromatici, a bacca rossa, idonei alla coltivazione nella Regione Marche. I vigneti che possono essere ritenuti adatti devono avere una esposizione idonea, non devono essere situati su terreni eccessivamente umidi e non possono trovarsi nei fondovalle. Le uve destinate alla produzione del Rosso Piceno Doc devono essere coltivate in una ampia zona delle Marche, che comprende le province di Macerata, Fermo, Ascoli Piceno e Ancona. Il confine settentrionale di tutta questa ampia area è il fiume Metauro, il confine meridionale è il fiume Tronto mentre il confine occidentale è l’inizio della catena appenninica. I vigneti dovranno avere almeno 2.200 ceppi per ettaro e non essere allevati a tendone. Sono ammesse le forme tradizionali di allevamento a spalliera, cordone speronato e Guyot. La produzione massima di uva per ettaro di vigneto non deve essere superiore a 13 tonnellate. Le uve destinate alla vinificazione devono assicurare ai vini un titolo alcolometrico volumico naturale minimo dell’11%.

Passando ad alcuni esempi di cantine produttrici, non possiamo non menzionare la Tenuta Cocci Grifoni che produsse nel 1970 la prima bottiglia di Rosso Piceno Superiore.
Rosso Piceno Superiore Vigna Messieri si presenta con un colore rosso rubino cupo e sfumature rosso rubino, poco trasparente. Al naso esprime aromi intensi, puliti, gradevoli e raffinati che si aprono con note di amarena, mirtillo e prugna seguite da aromi di violetta, lampone, vaniglia, tabacco, cacao, macis e mentolo. In bocca ha buona corrispondenza con il naso, un attacco giustamente tannico e comunque equilibrato dall’alcol, buon corpo, sapori intensi, piacevole morbidezza. Il finale è persistente con ricordi di prugna, mirtillo e amarena. Rosso Piceno Superiore Vigna Messieri matura in botte per 24 mesi a cui seguono almeno 6 mesi di affinamento in bottiglia. Alcol: 14%. Abbinamenti: Carne alla griglia, Carne arrosto, Stufati e brasati di carne, Formaggi stagionati.

.18 °CVini Rossi Corposi e Molto MaturiBicchiere consigliato

Potrebbe piacerti anche Dallo stesso autore