LA RIVOLUZIONE NEL TAGLIO LASER

La storia della tecnologia insegna che ci sono momenti radicali, nei quali avvengono rivoluzioni così epocali da trasformare interi settori. Per fare in modo che tutto ciò accada, spesso è necessario che ci siano delle coincidenze, come l’aumentata domanda di un determinato prodotto o la scarsità di una materia prima che costringe i produttori ad immettere più risorse nella ricerca. Si può dire con certezza che il campo del taglio laser da vari anni sta assistendo ad una rivoluzione completa che riguarda la lavorazione dei materiali. Grazie alla fibra, arrivata in silenzio nel 2000 e relegata prima alla marcatura e all’incisione, oggi è possibile lavorare una vasta gamma di metalli, rivoluzionando così interi settori dell’industria. La coincidenza fortunata, se così si può definire, è stata l’avvento di internet e delle tecnologie mobile, con la diffusione di massa dei telefonini e di sistemi di comunicazione mobile, a distanza, sempre più evoluti, che hanno messo, letteralmente, nelle mani dei consumatori miliardi di prodotti in numero nettamente superiore a qualsiasi altro bene. Il telefonino o lo smartphone è infatti il prodotto di maggior successo degli ultimi 50 anni, la sua diffusione in tutto il pianeta è così capillare da aver fatto da traino all’intero settore del taglio laser. Il taglio laser a fibra è uscito quindi dall’area della marcatura e dell’incisione per entrare di diritto e con tutti e due i piedi in quella del taglio dei metalli. Quali sono i vantaggi di utilizzare le macchine taglio laser a fibra rispetto alle normali macchine taglio laser a CO2? Anzitutto il taglio laser fibra è più economico, nel senso che consuma meno energia per propagare un raggio tre volte più potente ed efficiente. L’utilizzatore, sia esso artigiano o impresa, quasi sempre è soddisfatto della sostituzione, del passaggio alla fibra. Riesce a vendere prodotti rifiniti meglio, lavorando un’ampia gamma di materiali tra cui metalli come l’acciaio inox, l’acciaio, l’alluminio dolce, il rame, l’ottone e metalli molto nobili come il titanio, potendo quindi entrare nella remunerativa nicchia della componentistica di precisione per settori particolarmente avanzati. Lavora pure metalli gialli come il rame, che in genere hanno un’alta conducibilità. La macchina laser a fibra è
molto più economica della tradizionale. Una macchina da 3kw impiega molto meno energia della corrispettiva a gas, e in tempi di aumento delle bollette energetiche non è poco. L’automazione abbassa i costi di gestione. Per grandi lavori, le macchine sono in grado di lavorare durante dei cicli notturni, a orari programmati, senza l’intervento di un addetto, caricando fogli di metallo in modo autonomo. Vi sono macchine laser a fibra sono in grado di lavorare a cicli continui, con precisione, senza errori o sbavature, in modo più veloce delle colleghe a CO2, lavorando con la stessa efficienza anche su lamiere e fogli estremamente sottili. La qualità del prodotto rifinito è la stessa se non migliore, ma i risparmi in tempo, gestione, programmazione e manutenzione sono nettamente superiori. Purtroppo di queste macchine laser a fibra nelle nostre zone se ne contano davvero poche ed è un gran peccato perché rappresentano un incentivo importante sia per l’industria che l’artigianato.

Potrebbe piacerti anche Dallo stesso autore