La ricetta del mese: PANETTO DI FICHI. di Agostino Felicioni

Denominato da alcuni “Torrone di Fichi”, è un dolce tipico di Monsampolo del Tronto (come risulta nei documenti datati 1571 dell’Archivio Storico Comunale) e paesi limitrofi, elaborato a partire da prodotti poveri delle campagne come le mandorle ed i fichi seccati al sole durante l’estate. Tutte le famiglie lo confezionavano nel periodo natalizio e nell’ottocento esso diventa una vera attività industriale della zona.  Presentato annualmente, alla fiera di Santa Lucia di Grottammare, ha raccolto successi e premi in diverse parti del mondo (Medaglia d’oro a Vienna 1873,  Attestato di merito a Philadelphia 1878).

Ingredienti:
Fichi bianchi sbucciati ed essiccati al sole, mandorle tostate, cedro candito, cacao, essenze diverse (cannella, vaniglia, buccia di arance candita).

Procedimento:
Si usa una piccola forma di parallelepipedo (cm. 6x12x2,5 circa) di legno detta “coscena”. I fichi tagliati, aperti ed affiancati tra loro aderenti alle pareti dell’involucro, formano la parte esterna del panetto che all’interno contiene la farcitura di mandorle, canditi cacao ed essenze diverse, in strati intervallati da altri fichi bianchi secchi ed aperti. Il tutto ben amalgamato e chiuso a completare la forma descritta, viene coperto e sottoposto a pressatura per alcuni giorni. Successivamente viene pressato con torchietto ed avvolto in carta per alimenti ed impacchettato. Si taglia a piccole porzioni e si serve accompagnato da vino cotto invecchiato di almeno dieci anni.

Potrebbe piacerti anche Dallo stesso autore